trasformato docg

Vino Cinque Terre Sciacchetra

  • Colore da giallo paglierino a giallo dorato da giovane (2-3 anni), si fa dorato carico tendente all'ambrato se leggermente affinato (5-6 anni) e assume colore ambrato con nuances rossicce se abbastanza lungamente affinato (10-15 anni); dopo lungo affinamento si presenta ambrato con netti riflessi rossicci tendenti a un lieve marrone (20-30 anni). Profumo ampio e persistente, con sentori di mela, albicocca, ananas fresco e lievi di spezie e anice da giovane; si fa più composito se mediamente affinato, con sentori più marcati di albicocca e di pesca gialla e di vaniglia; se lungamente affinato, vi si coglie la prugna cotta, il miele di castagno e di acacia, ma sempre di rara finezza e personalità. Sapore dolce ma non stucchevole, con lieve sapidità, caldo, di buon corpo, vellutato e suadente se mediamente affinato; diventa delicatamente dolce, caldo, sapido, vellutato ma nervoso per una piacevole e lievissima tannicità, di grande continuità e di estrema persistenza aromatica, se lungamente affinato in bottiglia.
    Alcolicità: 17%(minima complessiva);
    acidità totale: 6-7-per mille.

  • Zona di produzione: Cinque Terre (Riomaggiore, Corniglia, Manarola, Monterosso, Vernazza), in provincia della Spezia.
  • Lavorazione: Viene prodotto con le stesse uve del tipo bianco secco: Bosco (60%), Albarola e Vermentino (al massimo 40%) da soli o congiuntamente.
    Queste vengono fatte appassire su appositi graticci, in ambiente ombreggiato e ventilato per almeno due mesi, diraspate, pigiate e avendo cura di separare dalle bucce il denso e dolcissimo mosto.
    Il nome sciacchetrà deriverebbe, infatti, da schiaccia e trai.
    Da tali uve si ricava al massimo il 30-35% in vino, quindi è comprensibile l'alto prezzo delle bottiglie.
  • Curiosità: Abbinamenti gastronomici
    Vino bianco dolce adatto ad accompagnare vari tipi di dessert come: pandolce genovese basso e tra i dolci similari, sia italiani che stranieri, la spongata di Sarzana, il panforte senese, il torcolo perugino e il pan di spezie di Reims. L'abbinamento con questi desserts è valido quando il vino ha raggiunto l'invecchiamento di 3-5 anni. Se l'invecchiamento risulta superiore, il miglior modo per apprezzarlo è quello di degustarlo da solo, in meditazione, perché offre sensazioni uniche.
    Alcuni Sciacchetrà di 40-50 anni sono risultati di rara e regale grandezza.

    Come servirlo e conservarlo
    Deve essere servito ad una temperatura di 14° C, in bicchieri piccoli a tulipano con bordo leggermente svasato e con stelo alto. Può reggere molti anni, migliorando. Deve essere conservato in posizione coricata negli scomparti più alti della cantina ad una temperatura costante tra i 10° e i 14° C.
Facebook
Pin It
  • Regione Liguria - piazza De Ferrari 1 - 16121 Genova tel. +39 010 548.51 - fax +39 010.548.8742
    numero verde gratuito Urp 800 445.445 © Regione Liguria p.i. 00849050109

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile,questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.