La mitilicoltura in Liguria

La zona di allevamento dei mitili è localizzata nel golfo della Spezia, nel tratto di mare compreso tra l'isola del Tinetto e punta Bianca, nel promontorio di Montemarcello.
La morfologia e le condizioni ambientali favorevoli (soprattutto la mancanza di mareggiate), la profondità dei fondali e le correnti sotterranee di acque dolci creano i presupposti ottimali per la crescita e lo sviluppo dei mitili.

I mitili vengono allevati in vivai di ampiezza variabile tra i cinquecento e i duemila metri quadrati, costituiti da pali in ferro zincato piantati sul fondale o da galleggianti collegati tra loro da corde di nylon, tese sotto il livello del moto ondoso, a cui sono annodati i cosiddetti "pergolati" o "reste" su cui crescono i mitili. Le reste sono a loro volta formate da reti di nylon a calza tubolare in numero di due, poste una dentro l'altra, all'interno delle quali vengono posti i singoli mitili.

Nel corso del ciclo di allevamento (variabile da tredici a quindici mesi) le reti vengono sostituite più volte, utilizzando maglie di dimensioni opportunamente crescenti.
Trascorsi tre mesi dall'inseminazione e successivamente ogni quarantacinque giorni, le reste vengono issate sul fuso e lasciate alla luce per ventiquattr'ore, in modo da bloccare la formazione di parassiti o di alghe, e vengono eliminati i mitili morti o di dimensioni minori.
I mitilicoltori, a bordo della loro imbarcazione chiamata "schio", afferrano e issano le corde con i mitili adesi e scelgono i frutti più grossi fino al raggiungimento della quantità di raccolta stabilita.

I mitili vengono posti in apposite vasche in cui viene mantenuto il flusso di acqua sterilizzata per la durata di ventiquattr'ore. Attraverso il meccanismo di filtrazione tipico di questi organismi, i molluschi filtrano l'acqua sterile per procurarsi il cibo e in tal modo si liberano dell'eventuale carica batterica in eccesso. L'impianto ha adottato il procedimento di sterilizzazione all'ozono, caratterizzato da un'elevata attività germicida a lungo termine nei confronti di virus e batteri e tale da non modificare le caratteristiche organolettiche del prodotto. Successivamente il prodotto viene confezionato all'interno dello stabulatore stesso, utilizzando macchine insacchettatrici automatiche che sottopongono i mitili a un ulteriore lavaggio con acqua ozonizzata. Una volta racchiusi entro reti per alimenti, viene apposta la data di confezionamento comprovante la freschezza del prodotto. Recentemente sono state avviate attività sperimentali per la produzione di ostriche.

Facebook
Pin It
  • Regione Liguria - piazza De Ferrari 1 - 16121 Genova tel. +39 010 548.51 - fax +39 010.548.8742
    numero verde gratuito Urp 800 445.445 © Regione Liguria p.i. 00849050109

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile,questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.