Boschi e foreste (16)

Nell'ambito delle politiche di promozione del settore impostate con il Programma Forestale Regionale, Regione Liguria persegue fortemente un obiettivo di qualificazione e valorizzazione delle Imprese forestali e degli Operatori forestali in possesso di comprovate conoscenze e competenze professionali per la realizzazione di attività pratiche in campo forestale e ambientale.

A tal fine la Regione Liguria ha attivato un proprio Albo sperimentale delle Imprese forestali, con adesione volontaria e gratuita, e istituito un Elenco degli operatori forestali. Entrambi gli strumenti sono previsti dal Decreto dirigenziale n. 1041 del 4/3/2019, dove sono chiarite finalità, requisiti di accesso e procedure per l’iscrizione. L’istituzione dell’Albo delle imprese forestali è comunque prevista dal D.Lgs. n. 34/2018 “Testo unico in materia di foreste e filiere forestali”.

L’Albo, che è stato avviato nell’ambito delle attività del progetto ALCOTRA INFORMA PLUS si inserisce nella dimensione transfrontaliera perseguita dai progetti di cooperazione, ed è quindi consultabile come sezione della Liguria nell’applicativo “Albo Transfrontaliero delle Imprese Forestali” (in acronimo TAIF) disponibile a questo indirizzo www.sistemapiemonte.it

Allo stesso indirizzo www.sistemapiemonte.it , sempre suddiviso in sezioni regionali, è disponibile anche l’Elenco degli operatori forestali, che raccoglie i nominativi delle persone fisiche che hanno fruito di corsi di formazione nel settore forestale e che hanno rilasciato esplicito consenso alla diffusione di tali informazioni al pubblico.

In entrambi i casi si tratta di una importante banca dati, che promuove i soggetti che possono attestare una comprovata qualificazione nel lavoro forestale, siano essi persone giuridiche (Albo Imprese) che persone fisiche (Elenco operatori).

Nei documenti scaricabili sono disponibili il Decreto dirigenziale n. 1041/2019 nonché la modulistica per richiedere l’iscrizione (che viene tuttavia prodotta direttamente già compilata dall'applicativo TAIF, pronta per la sottoscrizione). Saranno a breve disponibili anche due guide pratiche per l’iscrizione e l’utilizzo dell’Albo e dell’Elenco. E’ infine scaricabile un volantino con una sintetica informativa sull’Albo.

Per maggiori informazioni sull’Albo o per una assistenza nella compilazione della domanda è possibile mandare una mail ad impreseforestali@regione.liguria.ito contattare Luigi Spandonari al numero 010.5484397 oppure Damiano Penco al numero 010.5485072

Le pagine dedicate all'antincendio boschivo sono ora aggiornate solo
sul sito web di Regione Liguria

I gravi dissesti e il progressivo impoverimento dell’ecosistema forestale ligure prodotto dai ripetuti incendi, costituiscono una delle priorità cui porre attenzione. La legge quadro in materia di incendi boschivi (353/2000) e le leggi regionali 4/99 e 9/2000 assegnano a Regione fondamentali ruoli quali: 

  • pianificazione e programmazione, attraverso il Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi
  • organizzazione e coordinamento della Struttura operativa di prevenzione e lotta agli incendi boschivi, il sistema di enti locali, e di volontariato che compone la struttura operativa di intervento per la prevenzione e lotta agli incendi boschivi.

Obiettivo della Regione, oltre alla prospettiva traguardabile della riduzione degli incendi e delle superfici percorse dal fuoco, che va ben al di là della durata del singolo piano, è definire un costante sviluppo delle infrastrutture di previsione, prevenzione ed intervento nonché la possibilità di poter contare su volontari e cittadini sempre più preparati.

La Regione Liguria è partner del progetto MED-PSS (Diffusione  della  cultura  del rischio  incendi) finanziato dal Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020.  Il progetto MED-PSS ha l'obiettivo di diffondere la cultura del rischio incendi nell'area di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia, informando e sensibilizzando target diversi (scuole, operatori agricolo-forestali, amministratoti/funzionari, cittadinanza in generale...) sull’importanza della risorsa bosco e sui corretti comportamenti da adottare per preservarla, sviluppando buone pratiche di comunicazione sia nella fase di prevenzione che di allerta.

Tutelare il nostro patrimonio boschivo richiede l’attenzione e la collaborazione di tutti.

Per saperne di più: materiale informativo AIB e materiale progetto MED-PSS

Nell'ambito della programmazione quinquennale, la Regione ha deciso di adottare un metodo di analisi dei tipi forestali. Questo strumento permette una classificazione tipologica della vegetazione che si basa sulle caratteristiche delle singole specie contestualizzate nell'ambito del proprio ecosistema.

Le tipologie forestali rappresentano un mezzo operativo di inquadramento, che consente di fondare su presupposti ecologici e non solo fisionomici il governo del bosco: costituisce, quindi, un approccio funzionale e innovativo in grado di dare indicazioni sulla gestione appropriata dei boschi, tenuto conto delle diverse situazioni ambientali e dei servizi richiesti.

Per la definizione dei tipi forestali della Liguria, l'assessorato agricoltura e protezione civile ha finanziato uno studio, funzionale anche come cofinanziamento al progetto Interreg IIIC SUD Robinwood.
L'analisi, realizzata dall'Istituto piante da legno e ambiente (IPLA spa) di Torino e conclusa nei primi mesi del 2006, ha prodotto una serie di elaborati tecnici tra cui il manuale contenente descrizione delle categorie, chiavi analitiche di riconoscimento e schede descrittive dei singoli tipi forestali.

Le schede hanno i seguenti contenuti:

  1. descrizione del tipo, classificazione fitosociologica, localizzazione, variabilità e cartogramma di distribuzione
  2. caratteri stazionali, con diagramma edafico, diagramma esposizione/quota, morfogramma, possibili confusioni con altri tipi e note
  3. specie presenti, indicatrici e/o differenziali, aspetti fisionomici del bosco, rinnovazione
  4. posizione nel ciclo dinamico e tendenze evolutive, interventi antropici più frequenti, interventi da evitare, raccomandazioni per la biodiversità, assetto strutturale e indirizzi di intervento selvicolturali.

Per una migliore e più pratica divulgazione dei risultati dello studio, e favorirne pertanto l'applicazione, il Dipartimento Agricoltura, Protezione Civile e Turismo ha realizzato una specifica pubblicazione "I tipi forestali della Liguria" , distribuita agli enti pubblici e ai tecnici privati che hanno competenza in materia di gestione e pianificazione forestale o territoriale. Nello stesso tempo sono stati realizzati anche appositi seminari formativi. La pubblicazione (ERGA edizioni) è in vendita e disponibile a livello nazionale.

Per prevenire gli incendi  è bene seguire precise regole di comportamento. Il Servizio regionale antincendio boschivo ha redatto una serie di norme per la sicurezza del cittadino e la tutela del bosco:

  • NON gettare mozziconi accesi nell’erba e tra le foglie secche del sottobosco
  • SPEZZA  sempre i fiammiferi prima di gettarli a terra
  • NON parcheggiare l’auto fuori dalla strada, perché la marmitta calda (supera i 300°) può appiccare il fuoco all’erba secca
  • NON accendere mai un fuoco quando c’è vento
  • NON accendere fuochi nel bosco oppure accendili solo nelle apposite aree pic-nic dopo aver avvertito il corpo forestale dello stato
  • PRIMA di accendere il fuoco elimina le foglie secche tutto intorno
  • SPEGNI completamente il fuoco con acqua o terra
  • NON lasciare braci o tizzoni accesi
  • RICORDA che per l’accensione di fuochi ci sono regole ben precise da rispettare, dettate da leggi regionali e statali. Informati presso i Comandi Stazione del CFS o presso gli Uffici della Regione Liguria
  • CONDIVIDI con gli amici queste regole.

Bisogna ricordare, comunque, che la prima cosa da fare quando si avvista un focolaio è avvisare il centro operativo chiamando il numero verde gratuito della Regione 800-807047 oppure il numero 1515, istituito dal Ministero per le Politiche Agricole. 

Dalla macchia al castagneto, alla faggeta al bosco di larici: un rapido susseguirsi di diversi paesaggi boschivi caratterizza la Liguria. Una varietà originata dall'elevata complessità morfologica e climatica concentrata in una stretta fascia di monti sul mare. Un patrimonio fragile le cui sorti dipendono dall'intervento dell'uomo. 

Per salvare il nostro patrimonio boschivo sono necessarie la vigilanza e la collaborazione di tutti. Ogni cittadino può segnalare avvistamenti di focolai chiamando il 

112, numero unico di emergenza

La Regione Liguria ha redatto una serie di norme per la sicurezza del cittadino e la tutela del bosco. In diventa volontario potrai trovare le informazioni utili per entrare a far parte del Volontariato AIB mentre in che fare in caso di incendio ci sono consigli da seguire in caso di avvistamento di un incendio boschivo. 

Piccoli volontari crescono è la sezione dedicata ai futuri volontari AIB.

La Liguria è la regione italiana a più elevato indice di boscosità: su una superficie totale di 542.024 ettari, il bosco ricopre 397.521 ettari cioè il 73,34% del territorio contro il 36,45% della media nazionale della superficie forestale (dati elaborati dall’INFC – anno 2015).
In dieci anni si è registrato un incremento della superficie a bosco di 22.763 ettari, pari al 4,20% in più rispetto all'anno 2005.
Oltre ai dati nazionali sono disponibili informazioni più puntuali, contenute nella Carta dei tipi forestali della Regione Liguria - scala 1:25.000, realizzata nel 2010.

Per disporre di conoscenze più approfondite sulle formazioni forestali regionali e poterle inquadrare anche in maniera funzionale all'impostazione di una corretta gestione, la Liguria si è dotata dello strumento delle tipologie forestali, di agevole impiego e comprensione da parte dei tecnici forestali, pubblici e privati.

Le superfici boscate sono regolamentate dalla L.R. n.4/1999Norme in materia di foreste e di assetto idrogeologico e dal R.R. n.1/1999Regolamento delle prescrizioni di massima e di polizia forestale.
Per la tutela e la valorizzazione multifunzionale del patrimonio forestale pubblico e privato la Regione ha approvato il Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva agli incendi boschivi e il Programma forestale regionale.

Page 2 of 2
Facebook
Pin It
  • Regione Liguria - piazza De Ferrari 1 - 16121 Genova tel. +39 010 548.51 - fax +39 010.548.8742
    numero verde gratuito Urp 800 445.445 © Regione Liguria p.i. 00849050109 - Privacy

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile,questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.