La tariffa fitosanitaria viene applicata per il rilascio delle autorizzazioni, per i controlli e per le certificazioni previste dalla normativa fitosanitaria vigente. E' stata introdotta dal D.Lgs. 19 agosto 2005, n. 214.

Per le voci di cui alla tabella sottostante ad oggi, anche dopo l’entrata in vigore dei Reg. (UE) 2016/2031 e del Reg.(UE) 2017/625, rimangono comunque al momento in vigore le tariffe fitosanitarie di cui all’art. 55 del Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 214 – Allegato XX.

Voce

Periodicità'

Importo

Rilascio dell’autorizzazione all’attività di cui all’art. 19

Una tantum

€ 100,00

Per i produttori di patate da consumo o di frutti di agrumi

Una tantum

€ 20,00

Rilascio dell’autorizzazione all’uso del passaporto delle piante di cui all’art. 26

Una tantum

€ 100,00

Controlli fitosanitari alla produzione ed alla circolazione per le aziende iscritte al R.U.O.P.

Annua

€ 25,00

Controlli fitosanitari alla produzione ed alla circolazione per le aziende iscritte al R.U.O.P. titolari di uso del passaporto delle piante per zone non protette

Annua

€ 50,00

Controlli fitosanitari alla produzione ed alla circolazione per le aziende iscritte al R.U.O.P. titolari di uso del passaporto delle piante per zone protette

Annua

€ 100,00

 

Importazione di vegetali

 

Per il pagamento delle tariffe all’importazione va fatto riferimento al REGOLAMENTO (UE) 2017/625 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 marzo 2017 ALLEGATO IV CAPO I.

La tariffa va versata in anticipo all’atto della presentazione del Documento sanitario comune di entrata (DSCE) ed è parametrata ai quantitativi di merce in importazione.

  • Per il calcolo della tariffa è possibile impiegare lo strumento denominato: “FITOTAX 2020”.

Export / riexport

 

Per l’emissione certificati fitosanitari per l’esportazione o la riesportazione l’importo viene calcolato in conformità alla tabella dell'allegato XX parte A, sez. 1-2, del D.Lgs.214 del 19/08/2005 e ss.mm.ii.

La tariffa va versata in anticipo all’atto della presentazione della richiesta di rilascio del certificato di esportazione o di riesportazione.

Modalità di pagamento della tariffa fitosanitaria

La Regione Liguria per il pagamento della tariffa fitosanitaria dal 01 luglio 2020, in ottemperanza alle norme vigenti in materia (art. 65, comma 2, del D.lgs n. 217/2017, come da ultimo modificata dal D.L. n. 162/2019) ha aderito al Sistema di pagamento nazionale denominato “Pago PA”.

Il pagamento della tariffa può essere effettuato collegandosi al sito web regionale dedicato al seguente indirizzo:

https://nrp.regione.liguria.it/portalecittadino/pub/homepage ed entrando nella sezione “Pagamenti senza avviso”

 Le modalità di pagamento vengono dettagliate nella specifica guida.

Ritardati pagamenti -ravvedimento operoso

 

La tariffa fitosanitaria, prevista dall'art. 55 del D. Lgs. n. 214/2005, recante "Attuazione della direttiva 2002/89/CE concernente le misure di protezione contro l'introduzione e la diffusione nella Comunità di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali", deve essere versata entro il 31 gennaio. 

L'art. 55, comma 3, di tale decreto legislativo prevede che per il mancato o tardivo versamento della tariffa fitosanitaria si applichino le sanzioni nella misura e secondo le procedure di cui ai decreti legislativi 18 dicembre 1997, n. 471 e n. 472 (recanti disposizioni in materia di violazioni di norme tributarie).

In particolare, l'art. 13 del D. Lgs. n. 472/1997 disciplina la procedura del ravvedimento operoso, consentendo ai contribuenti che non hanno ancora provveduto al pagamento di quanto dovuto nei termini fissati dalla legge la possibilità di sanare in modo spontaneo eventuali violazioni commesse in materia fiscale e tributaria, beneficiando di riduzioni delle sanzioni amministrative (l'iscrizione a ruolo e la notifica della cartella di pagamento) ed evitando il contenzioso. Non è applicabile il ravvedimento operoso nel caso di avvenuta constatazione della violazione;

  • Per il calcolo dell’importo da versare con il ravvedimento operoso è possibile impiegare lo strumento: “RAVVEDIMENTO OPEROSO 2020”.  

Qui di seguito è possibile scaricare tutta la documentazione.

Ogni anno, come indicato dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, si aprono le campagne estive e invernali per un più efficace contrasto agli incendi boschivi, di interfaccia ed ai rischi conseguenti.

In questi periodi il Sistema Regionale Antincendio Boschivo della Regione Liguria, che è sempre attivo, accentua le attività di prevenzione e di lotta attiva contro gli incendi boschivi seguendo quanto indicato dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile e dal Piano regionale AIB – Regione Liguria.

Qui sotto potete trovare maggiori dettagli e informazioni:

Materiale informativo AIB

Modulistica AIB

Che fare in caso di incendio

 

Qui di seguito è possibile scaricare tutta la documentazione.

 

I Decreti pubblicati riportano gli iscritti negli elenchi nazionali di tecnici ed esperti di oli di oliva vergini ed extravergini e di tecnici ed esperti degustatori vini DOCG e DOC, ricadenti sul territorio ligure, e validati dalla Camere di Commercio competenti per territorio.
Tali elenchi sono integrati e aggiornati annualmente e trasmessi al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Page 1 of 42
Facebook
Pin It
  • Regione Liguria - piazza De Ferrari 1 - 16121 Genova tel. +39 010 548.51 - fax +39 010.548.8742
    numero verde gratuito Urp 800 445.445 © Regione Liguria p.i. 00849050109

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile,questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.