Laboratorio diagnostico

Al fine di garantire la tutela del territorio dall’ingresso di nuovi organismi nocivi, le azioni svolte dal Servizio Fitosanitario sono inserite all’interno di un complesso quadro normativo nazionale, comunitario e internazionale in modo da soddisfare gli impegni assunti dall’Italia all’interno della Convenzione Internazionale per la Protezione delle Piante (IPPC) e agli accordi Sanitari e Fitosanitari (SPS Agreement del WTO) che regolano il commercio mondiale dei vegetali e dei prodotti vegetali.

In questo contesto si inseriscono il Regolamento (UE) 2016/2031 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26 ottobre 2016 relativo alle misure di protezione contro gli organismi nocivi per le piante ed il Regolamento (UE) 2017/625 del 15 marzo 2017 relativo ai controlli ufficiali e alle altre attività ufficiali.

Entrambi i regolamenti hanno introdotto modifiche importanti all’intero sistema delle diagnosi fitosanitarie in capo ai Servizi Fitosanitari, attribuendo un ruolo specifico ai laboratori sia in termini di sistema di gestione che di competenza del personale introducendo il concetto di accreditamento secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2018 “Requisiti generali per la competenza dei laboratori di prova e taratura”.

Il Servizio Fitosanitario della Regione Liguria, si è dotato, sin dai primi anni 70’ del secolo scorso, di un proprio laboratorio ufficiale di diagnostica fitopatologica dove vengono effettuate analisi sui campioni prelevati dal personale del servizio o da altri soggetti autorizzati .

Presso il laboratorio si effettuano identificazione e diagnosi relative alla presenza di organismi nocivi delle piante (virus, batteri, funghi, fitoplasmi ed insetti) mediante analisi fitosanitarie effettuate applicando protocolli diagnostici specifici, validati e pubblicati da riviste scientifiche di settore o da enti istituzionalmente preposti a ciò come la FAO o l’European and Mediterranean Plant Protection Organization.

Il laboratorio svolge anche altre attività che sono:

  • lo sviluppo e la validazione di metodi diagnostici interni e/o ripresi dalla letteratura scientifica attraverso prove specifiche per i principali organismi nocivi delle piante

  • la partecipazione a ring/proficiency test nazionali ed per la validazione/armonizzazione di protocolli diagnostici per gli organismi nocivi da quarantena prioritari (Reg. 2019/1702) o rilevanti per l’Unione (Reg. 2016/2031 e successivo Reg. 2019/2072) nonché per tutti gli organismi nocivi soggetti a misure specifiche e di temuta introduzione per l'Unione Europea

Il Laboratorio del Servizio Fitosanitario della Regione Liguria opera in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2018 ed è accreditato da ACCREDIA da luglio 2021 con numero: 1010L

ACCREDIA è l'Ente designato dal governo italiano ad attestare la competenza, l’indipendenza e l’imparzialità dei laboratori di prova.

L’accreditamento è l’attestazione, da parte di ACCREDIA, che il Laboratorio è in grado di rispettare i requisiti della norma internazionale di riferimento UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2018, verificandone l’adeguatezza in termini di gestione del Laboratorio e di competenza tecnica.

L’accreditamento assicura che tutte le attività siano tenute sotto controllo in modo da garantire un alto standard qualitativo in termini di affidabilità, uso di strumentazioni adeguate, competenza del personale addetto alle prove (secondo quanto previsto dalla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2018 e dalle prescrizioni ACCREDIA).

L’elenco delle prove accreditate del Laboratorio del Servizio fitosanitario Regione Liguria è consultabile nel database ACCREDIA (www.accredia.it).

 

Facebook
Pin It
  • Regione Liguria - piazza De Ferrari 1 - 16121 Genova tel. +39 010 548.51 - fax +39 010.548.8742
    numero verde gratuito Urp 800 445.445 © Regione Liguria p.i. 00849050109 - Privacy

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile,questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.